Comunicato stampa: Traguardo a portata di mano per l’assistenza psicoterapeutica

Politica professionale
Comunicati stampa
Psicoterapia
Federazione
Con l’avvio della consultazione concernente l’introduzione del modello di prescrizione, il Consiglio federale mantiene una vecchia promessa. La decisione è stata accolta con favore dagli psicoterapeuti: un importante traguardo verso il miglioramento dell’assistenza psicoterapeutica è ora a portata di mano.

Il Consiglio federale ha oggi avviato la procedura di consultazione concernente il modello della pre-scrizione nell’ambito della psicoterapia fornita da psicologi. La proposta è garantire in futuro la coper-tura, da parte dell’assicurazione di base, delle prestazioni di psicoterapia erogate da psicologi psicote-rapeuti in presenza di prescrizione medica. Il modello attuale prevede invece che l’assicurazione di base si faccia carico delle spese soltanto se lo psicoterapeuta fornisce la prestazione sotto il controllo di un medico. Il passaggio da questo cosiddetto modello della delega a quello della prescrizione è atteso da tempo.

Rimuovere gli ostacoli

“Con il passaggio al modello della prescrizione si può rimuovere un ostacolo importante che ha sinora impedito a molte persone di beneficiare della psicoterapia ambulatoriale”, afferma Yvik Adler, co-presidente della Federazione Svizzera delle Psicologhe e degli Psicologi (FSP). Chi non può permet-tersi di pagare una parte cospicua della terapia attingendo alle proprie tasche, deve oggi mettere in conto lunghi tempi di attesa. Le conseguenze sono profonde non solo per le persone interessate, ma per la società in generale. “I problemi psichici, se non trattati negli stadi iniziali, diventano cronici e possono causare costose degenze in clinica. Altra conseguenza sono le assenze dal lavoro, con costi per l’economia nell’ordine dei miliardi», afferma Gabriela Rüttimann, presidente dell’Associazione Svizzera delle Psicoterapeute e degli Psicoterapeuti (ASP).

Una promessa ora mantenuta

Entusiasta per l’avvio della consultazione si dichiara anche Christoph Adrian Schneider, presidente dell’Associazione Professionale Svizzera della Psicologia Applicata (SBAP): “È ormai da tempo che aspettiamo. Il Consiglio federale ha più volte ribadito che il sistema attualmente in vigore non è più adeguato e deve essere riformato”. Tant’e vero che solo lo scorso anno sono state presentate sul tema ben dieci interpellanze di cinque diversi consiglieri nazionali, cui il Consiglio federale ha sempre risposto lasciando trapelare la promessa e la volontà di intervenire. Promessa che ora il Consiglio ha deciso di mantenere, venendo così incontro anche al desiderio espresso dalla popolazione svizzera che tra novembre 2018 e marzo 2019 aveva risposto in massa (quasi 100 000 firme raccolte) alla peti-zione “Rimuovere gli ostacoli: assicurare il trattamento delle malattie psichiche” indetta appunto per chiedere la sostituzione del modello della delega con il modello della prescrizione.

Prescrivibilità concessa a tutti i medici

Le associazioni degli psicologi FSP, ASP e SBAP s’impegneranno ora affinché la modifica proposta pos-sa entrare in vigore quanto prima. Ciò che preme è garantire un accesso quanto più semplice possibi-le alla psicoterapia ambulatoriale. “Il nuovo regolamento non deve assolutamente creare nuovi osta-coli. Sarebbe fatale per le persone che ne hanno bisogno”, sostiene Stephan Wenger, co-presidente della FSP.

Per ulteriori informazioni:

Ufficio stampa FSP, 031 388 88 48, media [at] fsp.psychologie.ch

Commenti

Aggiungi un commento