Modifica di ordinanze

L'integrazione della psicoterapia fornita da psicologi nelle prestazioni coperte dall'assicurazione di base è un tema su cui si discute da tempo. La legge federale sulle professioni psicologiche (LPPsi), entrata in vigore nel 2013, ha creato i presupposti per attivare il processo politico necessario e modificare le pertinenti ordinanze. La FSP, che si è impegnata e si impegna con determinazione in questo senso, ha comunicato all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) le sue richieste in merito al discusso modello di prescrizione.

La legge federale sulle professioni psicologiche (LPPsi), entrata in vigore il 1° aprile 2013, ha gettato le basi per l'integrazione della psicoterapia fornita da psicologi nell'assicurazione di base. La legge armonizza la formazione di base e postgraduale a livello nazionale e stabilisce elevati standard qualitativi.

Processo politico in corso

In seguito all'entrata in vigore della LPPsi e alla riposta positiva del Consiglio federale all'interrogazione della Consigliera nazionale Prelicz-Huber a inizio 2013, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha avviato l'iter di modifica delle pertinenti ordinanze.

Si discute di un modello che permetterebbe di fatturare autonomamente le prestazioni di psicoterapia all'assicurazione di base a condizione che vi sia una prescrizione medica (modello di prescrizione). L'introduzione di questo modello richiede un adeguamento dell'ordinanza sull'assicurazione malattie (OAMal) e dell'ordinanza sulle prestazioni dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie (OPre) che rientra nella sfera di competenza del Consiglio federale.

Il Parlamento ha iniziato a discutere sulla psicoterapia fornita da psicologi già nel corso dei dibattiti sulla legge federale sull'assicurazione malattie (LAMal) nei primi anni 1990, lasciando intendere che avrebbe potuto essere rimborsata dall'assicurazione di base non appena la formazione di base e postgraduale degli psicologi psicoterapeuti sarebbe stata disciplinata a livello nazionale.

Psicoterapia delegata quale soluzione transitoria

Il Tribunale amministrativo federale ha definito la psicoterapia delegata una soluzione transitoria in attesa dell'adozione di prescrizioni di legge sulla formazione di base e post-graduale degli psicoterapeuti paramedici. Con l'entrata in vigore della LPPsi tali prescrizioni ora esistono. La psicoterapia delegata sotto sorveglianza medica non è più necessaria, anzi, è problematica dal punto di vista giuridico e va quindi abrogata.